Considerazioni sulla Legge Finanziaria

La Legge Finanziaria è da oggi norma. I primi provvedimenti già in vigore. La ratio della legge è chiara a tutti: aumentare le entrate statali imponendo una serie di balzelli. Tasse esplicite o mascherate, ecco come Tremonti ha tracciato la strada che dovrebbe portare al pareggio di bilancio nel 2013.

  • Ticket sanitario: si pagherà 10 euro per le prestazioni specialistiche (tranne in Sardegna, Emilia Romagna, Val D’Aosta, Veneto e Toscana, regioni che non applicheranno la misura); nel complesso la norma della Legge Finanziaria appare comprensibile e alla portata anche delle tasche meno abbienti;
  • Ticket sanitario per i codici bianchi in pronto soccorso: 25 euro, da pagare cash e subito sui ricorsi impropri al pronto soccorso, i cosiddetti “codici bianchi”. La norma serve per disincentivare coloro che con troppa facilità vanno al pronto soccorso e magari potrebbero aspettare il lunedì mattina ed essere visitati dal proprio medico curante. 25 euro, però, non sono pochi;
  • Bollo sul deposito titoli: non cambia nulla solo per chi ha un portafoglio titoli inferiore ai 50 mila euro, l’investitore continuerà a pagare 34.20 euro all’anno. Sopra questa soglia, la somma cresce a 70 euro fino a 150.000 euro di titoli, a 240 euro per investimenti fino a 500 mila euro, a 680 euro sopra questo valore; la norma appare ingenerosa specie per una coppia di pensionati che possiede 50.001 di BOT, col pensiero di lasciarli ai figli in eredità. Già il bollo è una tassa poco comprensibile, non configurandosi come imposta sui redditi. Perché non introdurre la tanto sospirata tassa sulle operazioni finanziarie, solo su quelle che producono rendite e solo sopra certe soglie? La Legge Finanziaria si farà ricordare anche per questo provvedimento;
  • Superbollo per le auto di lusso sopra i 225 kw: la norma è ok, chi ha macchine potenti – che inquinano tra l’altro di più – avranno sicuramente qualche euro in più per pagare il bollo supplementare
  • Stretta sulle stock option: nulla da commentare
  • Aumento dell’Irap sulle concessionarie dello Stato: questa è una tassa vera e propria della Legge Finanziaria , giustificabile solo dall’impossibilità di drenare risorse finanziarie da altre fonti. E non è il caso italiano;
  • Pensioni d’oro: dal primo agosto via alle riduzioni; chi percepisce una somma al di sopra dei 90.000 euro l’anno dovrà versare il 5%, mentre a tutti quelli che superano i 150.000 euro annui di guadagno sarà trattenuto il 10%. È stato ribattezzato “contributo di solidarietà”. L’idea non è male, purchè il provvedimento rientri una volta superata l’attuale fase di emergenza.
  • Ritardare la pensione: crescerà l’età pensionabile in quanto la riforma prevede l’aggancio alle aspettative di vita già a partire dal 2013 invece che dal 2014, come inizialmente previsto. Chi ha maturato i 40 anni di contributi andrà in pensione con un mese di ritardo nel 2012 e via via crescendo nel corso degli anni successivi.
  • agevolazioni fiscali e assistenziali: riduzione del 5% prima e del 20% poi, dal 2013 e dal 2014. Il contrario di quello che ci si aspetta da un Governo liberale e che proclama da anni di voler ridurre le tasse per rilanciare i consumi. Il fallimento di un ideologia economica.
  • tagli ai costi della politica, agli stipendi dei parlamentari, ai rimborsi di deputati e senatori:   ——-   (lo spazio è bianco, chiaro, perché scandalosamente ne Governo ne Parlamento, nemmeno quest’anno introdurranno norme atte, almeno simbolicamente, a richiamare un certo tenore di responsabilità pubblica);
  • Sgravi fiscali per gli investimenti in ricerca e sviluppo: nulla; neanche la Legge Finanziaria è riuscita a trovare i fondi per attuare la misura; la perdita di competitività e innovazione nel nostro Paese, è ormai irreversibile.
  • incentivi alle aziende che assumono nuovi lavoratori: su questo fronte il Governo è completamente sordo. Nonostante siano 8 anni che si parli di riduzione dello “scalone fiscale”.
  • Quoziente famigliare: macchè. Un’altra di quelle misure mancate che avrebbe cambiato il corso della storia per milioni di famiglie;
  • Eliminazione delle province: cos’è uno scherzo? Nessuno è mai stato così ingenuo da credere che questi centri di potere e generatori di poltrone potessero essere cancellati. Male, molto male;

La Legge Finanziaria appare dunque incapace di intercettare la voglia di rilancio delle imprese italiane e il bisogno delle famiglie a basso reddito di tornare ad una certa serenità domestica, consentendo ai consumi di ripartire. La politica è apparsa una volta di più dedita all’autoconservazione, alla tutela di se stessa e dei suoi privilegi.

La dura vita del politico

La storia ha qualche giorno, ed è di quelle che hanno dell’incredibile. Ma qui, l’incredulità si mischia all’indignazione. Perché non è possibile, che l’attuale classe politica dirigente, questa volta incarnata nella figura di un politico, in un periodo di tagli, lotta agli sprechi, austerità di bilancio, si permetta la libertà che si è concessa il Presidente della Provincia – purtroppo ancora esistente – di Milano.

PER FARE POLITICA SERVE L’AUDI A8:
Aun politico piace viaggiare comodo. E nemmeno dovesse trascorrere ore e ore all’interno dell’automobile, ha deciso di cambiare la regola. Al posto della Ford Focus messagli a disposizione dalla Provincia (non pensate gratuitamente, visto che l’ente paga 564.000 euro l’anno), lui ha preferito niente poco di meno che un’Audi A8 a trazione integrale permanente, cambio automatico, telaio in alluminio. 119.923,20 euro spesi senza battere ciglio.
E, come non manca di osservare su Repubblica: “Il bello è che la supercar ha richiesto alcuni costosi interventi rispetto al modello originale. E sapete perché? Perché, come ha rivelato Il Sole-24 Ore Lombardia, si è dovuto modificare il tettuccio, visto che sull’alluminio il lampeggiante blu a calamita, con il quale il presidente ritiene di dover scorrazzare, non si attaccava”. “… ordinare un’auto Da 12.000 euro mentre tutti predicano la necessità di tagliare i costi della politica, ci si chiede perché mai un politico non certo di prima fila come il signor Podestà debba viaggiare con un lampeggiante quando in tutto il mondo civilizzato personaggi ben più autorvoli di lui si spostano in metrò, in bicicletta o sulla propria city car”
DULCIS IN FUNDO…
Ma il caso di un politico non è l’unico caso in controtendenza rispetto il buonsenso e il generale stato di ristrettezza economica in cui versa il 95% degli italiani. In base a una delibera del gennaio scorso, infatti, i membri del Consiglio della regione Lombardia, ricevono un rimborso di 51.600 euro lordi, tra quota fissa e calcolo chilometrico, pari a circa 30mila euro netti, qualora rinuncino all’auto blu. Il doppio di quello che un impiegato di buon livello la mattina si presenta puntuale in ufficio prendendo tram, metrò, bus.
Ogni ulteriore commento è superfluo.

Agifar academy

Agifar Academy: cos’è

Tratto dall’articolo presente sul mensile Farmamese: “I neolaureati escono dall’università con tante nozioni, spesso, però, disancorate dall’esercizio pratico della professione. Ottima l’idea dei giovani farmacisti di Bergamo, che hanno varato “Agifar Academy”, in collaborazione con CTF Group” Continue reading Agifar academy

Italia e cultura

L’Italia possiede un primato unico al mondo, quello di avere il più ampio patrimonio culturale a livello mondiale con oltre 3.400 musei, 2.100 aree e parchi archeologici e 43 siti Unesco. Il ritorno degli asset culturali Italiani, tuttavia, è frequentemente inespresso sia in termini di ricaduta economica che di sviluppo sociale dei territori.

Valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale italiano significa al tempo stesso tutelare la nostra storia e le nostre tradizioni, innovare e dare opportunità.

Giovani Imprenditori di Confindustria e Giovani dell’Ance hanno deciso di dare luogo ad un evento che abbia un focus proprio sulla valorizzazione della cultura nelle sue diverse sfaccettature e alle strategie e prospettive da poter mettere in campo per una reale generazione di valore dellimmenso patrimonio artistico, pubblico e privato, del nostro Paese.

Tutto questo nelle splendide cornici della Reggia di Caserta e di Pompei, siti artistici di interesse culturale unico al mondo.

Programma

29 Aprile 2016

Consiglio Centrale congiunto GI Confindustria GI Ance
c/o Cappella Palatina della Reggia di Caserta

10.30 Consiglio di Presidenza presso Confindustria Caserta
12:30 Visita guidata alla Reggia di Caserta
13:30 Light Lunch
14:30 Registrazione
15:00 Inizio lavori Consiglio Centrale
17:00 Fine lavori Transfer per Pompei

21:00 Cena Pompei

30 Aprile 2016

Ore 10:00
Convegno GI Confindustria / Giovani Ance
Impresarte-Industria, arte e cultura: laboratorio Campania

A seguire visita guidata Scavi di Pompei

Fedine di fidanzamento: i negozi online

Acquista fedi nuziali | GLAMIRA.it
GLAMIRA.it è il negozio online specializzato in fedi nuziali, anelli di fidanzamento, anelli della promessa e set nuziali. Su GLAMIRA.it troverai anelli di elevata …
[Cerca dominio www.glamira.it] https://glamira.it/matrimonio/
Anelli – Fedine di Fidanzamento
Fedine di Fidanzamento romantici classici e moderni, adatti ad ogni età e ad ogni tipo di fidanzamento, che sia “normale” o per promettere il Matrimonio.
[Cerca dominio https://www.pasinigioielli.com/n1/fedine.html
fedine fidanzamento argento in vendita | eBay
Visita eBay per trovare una vasta selezione di fedine fidanzamento argento. Scopri le migliori offerte, subito a casa, in tutta sicurezza.
[Cerca dominio rover.ebay.com] rover.ebay.com/rover/1/724-53478-19255-0/1?icep_ff3=9&pu…
Fedi Nuziali – Fedine sposi anelli solitari in oro 18kt e diamanti
Vendita online di centinaia di fedi nuziali anelli solitari e fedine comode da fidanzamento con diamanti in oro giallo bianco e rosa 18 Kt. Catalogo 2016 Continue reading Fedine di fidanzamento: i negozi online

Nuovo store calzature P448

Ormai è diventata la via della moda, piazza Mazzini continua ad attirare i commercianti. Dopo gli spazi dove poter mangiare torta al testo, spuntini di frutta e centrifughe, panini con ogni salsa e, a breve, anche una nuova showroom, a breve inaugura anche il primo store in del brand P448. Ad ufficializzare le voci degli ultimi mesi, il marchio stesso di calzature dal design accattivante, che sul proprio sito ha aperto delle selezioni di personale per i nuovi negozi nel Lazio, nelle Marche e, finalmente, anche in Umbria nello spazio che per anni ha ospitato lo storico Conti. Nel nuovo punto vendita di serviranno addetti alle vendite e cassieri e store manager. A quando l’inaugurazione? Presto, probabilmente prima di dicembre Continue reading Nuovo store calzature P448

Centralino telefonico

Il centralino telefonico, per tutte le aziende che hanno un certo flusso di telefonate in entrata ed uscita, è uno strumento molto importante ed indispensabile per organizzare al meglio la propria produttività. Grazie all’ uso di un centralino telefonico è infatti possibile gestire in modo molto intelligente le telefonate in ingresso, organizzandole in attesa o coda e smistandole poi ai vari interni in modo da ridurre i tempi di attesa agli utenti. In questo modo gli utenti evitano di trovare il classico segnale di occupato e possono essere deviati ad altri interni, evitando così di annoiarsi o di buttare giù la linea, riuscendo in ogni caso a parlare con un interlocutore. Continue reading Centralino telefonico

Saldi 2017 a roma

Saldi a Roma inizia il countdown! Da giovedì vendite al ribasso

Per il 6 gennaio tanti i negozi e centri commerciali che resteranno aperti. Per sei settimane vendite sottocosto.

i saldi rappresentano un’opportunità per famiglie e commercianti, arrivando “in un momento di estrema difficoltà del settore abbigliamento e calzature possono rappresentare una occasione di recupero per l’impresa. Alla crisi dei consumi si sono aggiunte le difficoltà legate ai blocchi del traffico per i mezzi più inquinanti e alle targhe alterne che hanno aumentato il disagio per le attività delle nostre strade e dei nostri quartieri”. Continue reading Saldi 2017 a roma

Saldi invernali 2017

Quando iniziano i saldi invernali?

Le festività natalizie sono quasi totalmente alle spalle e così anche il periodo riservato ai regali, sebbene l’Epifania rappresenti un appendice in cui, in molti casi, si potrà beneficiare dei fatidici saldi invernali 2017 che sono pronti a partire in varie città italiane. Sono, infatti, note le date a partire dalle quali sarà possibile accedere a vari prodotti potendo sfruttare in molti casi sconti sostanziosi sui precedenti prezzi al pubblico.

Il calendario è stato pubblicato regione per regione, e sono state rese note le date di avvio degli sconti. Continue reading Saldi invernali 2017