Come riconoscere il caffè migliore nelle capsule compatibili nespresso

Sapresti come identificare il caffè migliore?

 

Siamo consumatori molto curiosi. Non ci interessa l’ origine, l’ aroma, la tazza o il bicchiere in cui viene servito. Solo se è decaffeinato o meno, se lo si preferisce fatto con la caffettiera tradizionale o usando le capsule compatibili Nespresso, o se si aggiunge la saccarina al posto dello zucchero. L’ unica cosa che ci apsettiamo è il suo gusto e l’aroma che riempie la stanza.

Ecco perché vogliamo dedicare questo post in modo che si prenda nota delle chiavi per identificare un buon caffè.

Colore

Il colore del caffè dipende in larga misura dalla tostatura. Se il caffè è quasi nero, il livello di torrefazione è stato elevato, mentre se il colore è più chiaro, è stato arrostito meno. Dobbiamo scegliere un caffè con un grado medio di tostatura, senza bruciarlo.

Aroma

L’ aroma è un altro grande elemento identificativo di un caffè di qualità. Gli aromi di caffè di buona qualità sono solitamente gli odori di legno, terra, carbone, gomma, gomma, gomma, paglia o cenere.

Sapore

È l’ identificatore principale di un buon caffè. Normalmente il caffè è considerato una bevanda dal sapore amaro, ma in realtà è esattamente il contrario. Un caffè di qualità ha un equilibrio tra acidità e dolcezza. Ed è per questo che non si aggiunge zucchero ad un buon caffè, poiché proviene da una frutta che ha i propri zuccheri. Anche se… sia dolce che amaro, dipende in larga misura dal processo di arrostimento.

Data di torrefazione

Importante come la data di scadenza. Al momento dell’ acquisto di questo prodotto, dovremmo guardarlo, in modo da poter conoscere la freschezza del caffè.

Tipo di contenitore

Influenzano anche il tipo di tazza in cui viene servito il caffè. Il contenitore ideale è la tazza conica – più stretta alla base che in cima – mentre la bevanda scorre lungo le pareti.

Il miglior caffè, con caffettiera italiana

La rivoluzione è arrivata con Nespresso. Chi ci dirà che sembrerebbe un marchio che vende macchine da caffè e caffè che rivoluzionano il mercato e il mondo, vendendoci eleganza, delicatezza, esclusività e un’ esperienza unica, il tutto all’ interno di una mini capsula.

Io sono uno di coloro che pensa che sì, che le capsule sono molto confortevoli, ma lontano da avere l’ aroma e il sapore di un buon caffè appena fatto.

Pochi giorni fa, ho trovato un video come guida su “Come fare il miglior caffè in una macchina per il caffè italiana”. Fino a quel momento pensavo di sapere come fare un buon caffè nella mia caffettiera. Non era altro che versare l’ acqua, mettere il caffè e far bollire, aspettare qualche minuto… e questo è tutto! Con mia sorpresa, faccio il caffè, ma la verità è che non ho idea di come farlo bene.

SEI SEMPLICI PASSI PER OTTENERE IL CAFFÈ MIGLIORE

Scegliere la migliore materia prima. Un buon caffè dipende dalla sua qualità. Utilizzare caffè appena macinato e mai arrosto.
Assicurarsi che la gomma della macchina per il caffè sia bianca. No giallo, no verde, no marrone.
L’ importanza dell’ acqua. Trovare il punto di equilibrio sembra semplice, ma non sempre è fatto bene. Se la vostra caffettiera non ha un indicatore di livello dell’ acqua, usate il trucco italiano. Riempire fino al centro della valvola. Non meno, niente di più.
Il caffè, risciacquare e senza pressione. Il caffè deve essere fatto cadere delicatamente.
Far sobbollire lentamente e costantemente con il coperchio aperto. Il caffè deve essere sempre prodotto alla stessa temperatura. Nessun cambiamento improvviso, perché questo potrebbe influenzare il suo gusto. E chiudi il coperchio quando ti accorgi che sta cominciando a venire.
Mescolare bene prima di servire. Pochi sanno che il caffè deve essere mescolato con un cucchiaio nella caffettiera prima di servirlo.

E dietro questi spunti, è ora di fare il miglior caffè. Ma un’ ultima cosa, lavare la macchina del caffè con acqua calda e non usare mai sapone. Il caffè avrà il miglior sapore nelle seguenti preparazioni.

In Commercio Tante E Diverse Penisole Relax

Per restare con i piedi per terra, facciamo un cenno alle fiere specializzate nel settore arredamento e che offrono una bella ed importante vetrina per i rivenditori e per gli acquirenti una occasione di conoscenza da non perdere. I siti aziendali,invece, delle singole case produttrici di divani moderni mettono a vostra disposizione i cataloghi dei prodotti che vi permettono, comodamente da casa, di consultare anche dettagli tecnici importanti e di fare una prima importante valutazione delle caratteristiche strutturali del prodotto.

Questa guida al divano è stata realizzata nel tentativo di conciliare design e comodità. Gli stili presentati spaziano da elementi dalla linea retrò, rifiniti con tessuti che riprendono motivi vintage, a proposte invece spiccatamente contemporanee, sia nel design che nei materiali; non mancano comunque linee classiche adattabili ad ogni stile di arredamento.

Sarà possibile, quindi, arredare il proprio soggiorno proprio come lo si desidera, con la ricercatezza di stile e materiale tanto anelati, e senza rinunciare al comfort della struttura relax. Non sarà necessario adattarsi a quei pochi modelli di poltrona relax che si vedevano una volta in tv durante le televendite e che ben poco si adattano allo stile del proprio soggiorno. Per accontentare i più esigenti e persino chi credeva che un intero divano relax non avrebbe mai potuto permetterselo: in pelle, tessuto o microfibra, il giusto divano relax è proprio alla portata di tutti. Nel nostro store esiste un’intera sezione, ricca di offerte e a basso costo, tutta dedicata ai divani relax a due posti e tre posti. Il bello del divano relax non è solo il suo essere ergonomico, comodissimo e reclinabile, l’innovazione sta nel movimento elettrico. Sarà possibile reclinare il poggiatesta, modificare l’altezza dello schienale e regolare la posizione del poggiapiedi, così da garantire il giusto sostegno a piedi e schiena. Nei modelli elettrici più avanzati è possibile ritrovare anche un meccanismo di aiuto ad alzarsi oppure a distendersi, molto utile in caso di persone anziane oppure con problemi articolari.

  • Divano è il luogo ideale dove rilassarsi dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro
  • Mio è sceso nel suo giardino
  • Rosa – 8%
  • 06/03/2014 Divani Letto in pronta consegna a Lissone
  • 16/04/2015 Divano letto con secondo letto estraibile
  • Cospargi tutta la superficie del divano con la polvere di bicardonato di sodio;
  • Sconti arredamento: Divani in offerta
  • 05/10/2017 Divani pronto letto

divano relaxIl risultato, molto spesso, è che portate con voi un quantitativo così sproporzionato di cose che alla fine non trovate più un posto comodo sul divano. Il telecomando, il libro, il pc, il tablet, il cellulare, il caricatore, il giornale, la coperta, la tisana, i biscotti e ad un certo punto guardate tutte quelle cose collocate sul divano e vi domandate e adesso? Bene, non allarmatevi. La soluzione migliore è sempre la più semplice: avete bisogno di un tavolino da salotto. Ma perché accontentarsi del vecchio banale tavolinetto classico? Un caminetto è l’ideale per creare la giusta atmosfera e riscaldare i gelidi pomeriggi invernali. Nell’immaginario comune il camino è incassato al muro ed è necessario compiere una serie di lunghe operazioni preliminari per verificare la fattibilità del progetto e opere murarie per l’installazione. Oggi esistono delle soluzioni alternative: si tratta di caminetti da terra o da tavolo free standing che non necessitano di alcuna opera muraria e possono essere collocati in qualsiasi punto della casa e all’occorrenza riposizionati.

Versatile, questo divano abbellirà l’arredamento del vostro ufficio o della vostra casa. Un colore moderno quello della linea Giulia di Samira, per un divano che rispetta le caratteristiche dei modelli che lo hanno preceduto. Il divano si adatta a qualsiasi ambiente, ma conferisce al proprio appartamento quel tocco di classe in più. In dotazione con il divano, due cuscini decorativi, imbottiti in fiocco. Per la linea Giulia, si ritorno ad un modello lineare e confortevole, che diventa un comodo e caldo letto con un solo movimento. Il colore è moderno ed il divano è versatile. Può arredare il vostro ufficio, così come il vostro appartamento, conferendo quel tocco di classe in più che non guasta mai. Lo abbiamo specificato in uno dei paragrafi precedenti. Poiché anche il giardino merita il suo divano, il salotto della linea Aurora di Samira è l’ideale. Per il design e per il materiale utilizzato per la sua realizzazione, perfetto per l’arredamento esterno. Il salotto è di colore tortora e lo sono pure i cuscini in dotazione. La confezione contiene le istruzioni per il montaggio, semplice e sicuro.

Stiamo parlando di divani letto commerciali nuovi e non fatti su misura. Un’ottima soluzione può essere anche l’acquisto di un divano letto gonfiabile, ce ne sono di davvero economici, pratici da usare e leggeri. Ideali per case di studenti e per ogni situazione nella quale non si voglia spendere troppo senza rinunciare alla comodità! Il divano letto fu inventato nel Seicento da Jean Tapisserie ma è nel 1900, durante gli anni della Grande Depressione del 1929 che entrò a far parte dell’arredamento domestico. Al signor Castro va riconosciuto poi il merito di aver commercializzato un divano letto facilmente apribile, a differenza di quello inventato da Tapisserie, e di averlo pubblicizzato in maniera efficace ed intelligente. La sua campagna pubblicitaria vedeva coinvolta sua figlia Bernadette di 4 anni, la quale riusciva da sola ad aprire il pubblicizzato divano letto. Il successo di Castro e del divano letto furono incredibili, Castro fece una fortuna con la sua invenzione! Morì poi in Florida nel 1991, milionario naturalmente.

In Ogni Appartamento Sono Sempre Presenti Molti Elettrodomestici

Offre un’assistenza tecnica autorizzata per marchi molto prestigiosi, a cui si aggiunge un’ampia linea di accessori di vario genere. Le società AD HOME SERVICE, LA CASA, ABI, ABA, ABB, A. CONSUMER, TECNICA e INBOUND e il Sig. La ditta garantisce la massima assistenza per i piccoli e grandi elettrodomestici di casa, fornendo ricambi originali, attraverso il servizio di vendita e di riparazione. Il nostro personale competente e altamente professionale procederà con la valutazione dell’entità del danno e prima di intervenire vi fornirà un preventivo di spesa dettagliato della assistenza elettrodomestici Tradate e vi consiglierà l’operazione più efficace da portare avanti. Elettrodomestici Novalba srl è un punto vendita con personale esperto e competente capace di consigliarvi sull’acquisto più adatto alle vostre esigenze e i vostri gusti in materia dielettrodomestici di piccole e grandi dimensioni. Presso il suo laboratorio si effettuano riparazioni di piccoli elettrodomestici, avvalendosi di personale qualificato e avendo a disposizione un assortimento completo di ricambi originali.

  • – Frigorifero con uno o più scomparti per la conservazione di alimenti freschi
  • Macchina per la fonduta
  • Ergonomia e maneggevolezza ancora migliorate, dimensioni ridotte
  • Riportare nome e sigla del produttore
  • Corretto utilizzo di tutti i dispositivi soggetti a usura
  • La categoria del modello di apparecchio di refrigerazione per uso domestico (vedi piu’ avanti);
  • Elevata capacità di contenimento della polvere
  • Non utilizzate gli attrezzi in modo improprio;

In qualsiasi caso, oltre alla propria esperienza e professionalità, mette a disposizione dei clienti anche l’acquisto di pezzi di ricambio per qualsiasi tipo di elettrodomestico. Potrebbe poi rendersi necessario l’acquisto di altri pezzi di ricambio, ad esempio un nuovo cavo di alimentazione, se quello vecchio è danneggiato. Una volta individuati gli elettrodomestici realmente indispensabili, occorre poi scegliere sempre modelli ad alta efficienza energetica, di classe A o superiore. I nuovi modelli di elettrodomestici si arricchiscono di programmi che si aggiungono a quelli base. A Cremona la ditta dei F.lli Bottani vanta una lunga esperienza nell’assistenza e nella riparazione di elettrodomestici. Uno dei grandi pregi dell’aspirapolvere Folletto consiste proprio nel suo potente filtro antiallergico (incluso nel prezzo). E’ per questo che la ditta si è specializzata anche nella riparazione e manutenzione dei pannelli solari, che richiedono interventi professionali in grado di garantire l’efficienza dell’intero apparato. Utilissima per le diete, dove il peso degli alimenti è da rispettare alla lettera, serve anche per preparare la giusta quantità di cibo per se stessi ma anche e soprattutto per gli ospiti.

Ed è illusorio pensare che qualora la base industriale venisse delocalizzata i laboratori con i cervelli rimarrebbero in Italia: la ricerca segue gli impianti». Qui puoi trovare ed acquistare facilmente ricambi per tutti gli aspirapolvere folletto, robot folletto VR100, lavavetro folletto GD14, spazzola HD40 e aspirabriciole folletto VC100. Vediamo quali sono i tipi di elettrodomestici per i quali le famiglie che ne fanno richiesta possono ottenere gli incentivi. Siamo specializzati nell’installazione e riparazioni di antenne tv e satellitari, lavatrici e piccoli elettrodomestici a in tutta la Valle http://www.ricambielettrodomesticiweb.it (miglior sito) Imagna (BG). Inoltre possiamo garantire il servizio di consulenza pre vendita, quello di installazione e consegna a domicilio e l’assistenza post vendita con riparazioni di prodotti in garanzia e non. Dal 1971, effettua vendita, assistenza e riparazione, di elettrodomestici, anche da incasso, ed offre un’ampia gamma di ricambi ed accessori. Nel caso di piccoli elettrodomestici, il cliente è invitato a recarsi presso il centro assistenza e richiedere personalmente una riparazione.

Nei giorni di mercoledì, giovedì e sabato nel mercato di corso Brunellesci il signor Roberto presenta alla clientela curiosi articoli per la casa e un’ampia scelta di posate. Ad esempio il frigorifero, perché la casa nuova è troppo distante ed è meglio acquistarne un altro sul luogo. I condizionatori d’aria sono elettrodomestici sempre più diffusi che accompagnano le nostre giornate sia in casa che nel luogo di lavoro, negli uffici pubblici, nei negozi. Fondata nel 1948, Fanti Elettrodomestici è una ditta specializzata nella vendita di elettrodomestici e apparecchiature elettroniche per la casa di ogni tipologia. Un motivo in più per fare l’ordine usando il telefonino o il computer da casa. Questo vi offre naturalmente la massima garanzia per tutti i prodotti acquistati presso il nostro negozio affinché vengano riparati all’interno dello stesso centro in cui lo avete acquistato. L’estensione di garanzia Long Life Care interviene in caso di guasti e malfunzionamenti di elettrodomestici. ElettroClima di Gesuè Tonino vende e ripara elettrodomestici nuovi e usati e fornisce assistenza climatizzatori entro le 24 ore. I clienti sanno di poter contare su un servizio di Assistenza Elettrodomestici Monza serio e professionale, in grado di intervenire in tempi rapidi e con la certezza di una risoluzione valida di ogni tipo di problema.

ricordando giorgio gaber

Come possiamo leggere nella b iografia di Massimo Bernardini, Gaber “è uno che mentre gli altri sembrano fare

Con la pubblicazione degli altri sei articoli si conclude la “riflessione a più voci”, avviata nel precedente numero di Notes, sul messaggio di Benedetto XVI “Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione”, per la 46ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, promossa dal Coordinamento delle associazioni per la comunicazione (Copercom).

A esprimersi in merito, questa volta, sono esponenti del cinema e della televisione, della carta stampata e dell’editoria, mondi in cui spesso si riscontra oggi una sovrabbondanza di parole che rischiano di frastornare la mente umana, mentre è necessario – come ribadisce il Papa – “creare un ambiente propizio, quasi una sorta di ‘ecosistema’ che sappia equilibrare silenzio, parola, immagini e suoni”.

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, durante l’omelia della celebrazione eucaristica per la 46ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali il 20 maggio scorso, ha affermato che “l’evangelizzazione è una forma di comunicazione, dove s’impara ad ascoltare prima ancora che a parlare, e dove si tratta di trovare sempre un nuovo equilibrio tra silenzio, parola, immagini, suoni” e ha invocato un’informazione di vero servizio alla comunità, ispirata all’amore di verità e rispettosa di tutti; un vero appello a non cedere alla “dittatura delle opinioni”.

Considerazioni queste che interpellano anche ogni educatore: nel difficile compito di educare le nuove generazioni, infatti, non si potrà non tener conto dei cambiamenti che i nuovi media stanno determinando a livello di partecipazione democratica alla vita sociale e civile del nostro Paese.

Questo numero si chiude con le notizie logistiche e le schede di adesione al Seminario nazionale Democratica… mente 2012, che si svolgerà a Firenze dal 29 giugno al 1 luglio 2012.

A ogni responsabile associativo e a tutti i soci è rivolto l’invito a partecipare all’interessante iniziativa, volta a individuare nuove forme di cittadinanza attiva, al fine, anche, di dialogare e interagire con identità “altre” in modo solidale e in vista del bene comune.

 

14.6.12 | Scritto da Franco Frattini Fondazione De Gasperi – EU Foundations: “International Round Table Adenauer, De Gasperi, Schuman”

The global crisis, whose contagion has spread progressively from finance to sovereign debt, and therefore to states, with a particularly virulent effect on the euro-zone, is obviously not a subject of study and work exclusively for economists.We are, in fact, dealing with of a political crisis – i.e., the capacity of government, and policies to which states in Europe and beyond, along with their respective ruling classes, have dedicated themselves in recent years.

It is a crisis that challenges the role of Europe in the world and its ability to defend the extraordinary results achieved during the decades-long integration process.And yet, if the lack of effective supranational governance capable of immediate response in the face of events is one of the major weaknesses at issue, then equally serious, and thus far less elaborated, is the lack of a plan coming from political families in Western democracies that could contribute to change.Furthermore, a crisis of public confidence has blown. This crisis is evident from all the latest surveys, in the economy, in the future, in the benefits of EU integration, in EU membership, even in the euro and in the free market.

People are very worried about joblessness, inflation and public debt, and their fears are fuelling much of the uncertainty and negativity.In the first place, this crisis should impose (or rather, should have already imposed) an adjustment of recipes that the preponderant ongoing change has rendered obsolete.

The recipes inspired by liberalism, or by pre-globalization liberism, no longer work. The crisis will not be short, nor will its effects disappear soon after a return to normality.In 2008, the “orthodox” wing of the US Republican party strongly opposed a government rescue after the collapse of Lehman Brothers, and reacted negatively when Treasury Secretary Henry Paulson, with the clear support of President Bush – as well as the support of the Democratic opposition – decided to seek an emergency bailout fund to keep the contagion from affecting the liquidity of small and medium – sized businesses and millions of American citizens.

Similarly in Europe, German Chancellor Angela Merkel’s Christian Democratic Party is experiencing a tough debate over the possibility and usefulness of going beyond “the German path” of rigor and accountability “at all costs” and ensuring the survival of the euro-zone, in a context of stronger European governance, with financial measures and stimulus packages aiming at promoting growth.

So today EU democracies are dealing with the problem of not “whether” to save Europe, but “how” to save it – by first reducing the deficit, or by dismantling an ideological barrier, which had marked the red line of “no public spending”, without considering how these days, even given the necessary rigor, the market is no longer able to regulate itself.

talenti welcome la proposta di legge per il controesodo di talenti

Talenti Welcome “Pacchetto Controesodo”

Onorevoli colleghi! – Attrarre talenti dall’estero e sostenere la formazione internazionale dei nostri giovani. Questi i due fondamentali obiettivi che, proseguendo ed ampliando la normativa già approvata nella scorsa legislatura, proponiamo all’esame del Parlamento.

Nel passato la ricchezza proveniva soprattutto dalla terra. Più suolo fertile da coltivare si aveva e più benessere si otteneva. Nel XXI secolo le economie che producono maggior sviluppo sono invece quelle che sanno investire sul capitale umano e renderlo produttivo. Le aree che, al contrario, meno sapranno coniugare opportunità per i giovani più qualificati e sviluppo rischiano di impoverirsi irreversibilmente, come un territorio che per incuria va verso la desertificazione.

La crescita della mobilità per studio e lavoro è, in particolare, del tutto coerente con i processi di sviluppo di questo secolo. La possibilità di viaggiare con tempi e costi contenuti si è enormemente ampliata, e con essa è cambiato anche l’atteggiamento delle nuove generazioni. I giovani sono sempre più globalizzati, più propensi ad interagire e confrontarsi con culture e realtà diverse ed hanno nel loro DNA la voglia di guardare ad un mondo più ampio rispetto al luogo di nascita. E’, inoltre, cresciuta la consapevolezza del fatto che la mobilità per studio e lavoro è in sé positiva, perché consente di arricchire le proprie esperienze, di ampliare la rete di relazioni, di stimolare il senso di autonomia, facendo crescere l’apertura mentale e la voglia di mettersi in gioco.

Muoversi senza confini va considerata quindi una scelta da sostenere e incoraggiare per il beneficio che produce sui singoli, potenziandone capacità e competenze. Tutto ciò ha ricadute positive anche per il luogo di origine se chi parte poi ritorna o se a fronte dei molti talenti che restano fuori altrettanti ne vengono attratti dall’estero.  In caso contrario si ottiene per il luogo di partenza un impoverimento netto di capitale umano.
I paesi più dinamici e competitivi considerano strategiche le politiche di attrazione di giovani di qualità e riconoscono come veri e propri investimenti tutte le opportunità ad essi fornite. Da anni è in atto una vera e propria competizione internazionale per l’accaparramento dei cervelli migliori. E’, infatti, in crescente aumento la domanda di studenti e lavoratori stranieri nelle economie più mature e avanzate per il contributo di rilievo che sono in grado di dare all’innovazione e alla crescita.

pagina di esempio

principi comuni con la sinistra democratica. Nel campo del centrodestra opera ancheLiberamente, la fondazione dell’ex ministro Maria Stella Gelmini per «sostenere

In questo numero di Notes sono riportati i risultati di alcune indagini statistiche sulla povertà realizzate in questi ultimi anni dalla Caritas, dall’Unicef e dall’Istat. Si tratta di materiali offerti alla riflessione in vista del Seminario “Democratica… mente 2012: nuove povertà e nuove prospettive”, che si svolgerà a Firenze dal 30 giugno al 1 luglio p.v.

Il rapporto tra condizioni di vita e gestione solidale del bene comune, infatti, è nodo centrale di ogni democrazia. Le disuguaglianze che si consolidano in situazioni di permanente svantaggio sollecitano a riflettere sulle situazioni d’emergenza, che rischiano di trasformarsi in una pericolosa “normalità”e di ridurre la naturale indignazione di fronte all’ingiustizia: vero “scandalo” per la civiltà.

Proprio dalla consapevolezza che il pericolo dell’assuefazione è sempre dietro l’angolo, nasce l’esigenza di approfondire tali tematiche nell’annuale appuntamento associativo “Democratica… mente”, giunto alla sua seconda edizione. Non possiamo, infatti, esimerci, come professionisti di scuola e come cattolici, dal porci quegli interrogativi di fondo su cui si gioca la credibilità di un reale orizzonte democratico. L’impoverimento globale c’interpella sulla necessità d’indagare le nuove povertà per individuare modalità e strategie che consentano la possibilità di accesso ai diritti economici e sociali che dovrebbero essere garantiti a ogni uomo, a ogni popolo, a ogni Paese.

A chiudere questo numero la presentazione delle cinque borse di studio assegnate a neo laureati con cui si è concluso il Concorso nazionale lanciato durante la I Edizione di Cento piazze per… la solidarietà. La Commissione giudicatrice, appositamente costituita e individuata dal Consiglio nazionale, sulla base di criteri determinati nella seduta d’insediamento, dopo aver preso in esame tutti gli elaborati pervenuti e dopo un’attenta valutazione delle caratteristiche di ciascuna testo, è pervenuta a individuare le cinque tesi a cui assegnare i premi previsti dal Bando del Concorso.

Considerazioni sulla Legge Finanziaria

La Legge Finanziaria è da oggi norma. I primi provvedimenti già in vigore. La ratio della legge è chiara a tutti: aumentare le entrate statali imponendo una serie di balzelli. Tasse esplicite o mascherate, ecco come Tremonti ha tracciato la strada che dovrebbe portare al pareggio di bilancio nel 2013.

  • Ticket sanitario: si pagherà 10 euro per le prestazioni specialistiche (tranne in Sardegna, Emilia Romagna, Val D’Aosta, Veneto e Toscana, regioni che non applicheranno la misura); nel complesso la norma della Legge Finanziaria appare comprensibile e alla portata anche delle tasche meno abbienti;
  • Ticket sanitario per i codici bianchi in pronto soccorso: 25 euro, da pagare cash e subito sui ricorsi impropri al pronto soccorso, i cosiddetti “codici bianchi”. La norma serve per disincentivare coloro che con troppa facilità vanno al pronto soccorso e magari potrebbero aspettare il lunedì mattina ed essere visitati dal proprio medico curante. 25 euro, però, non sono pochi;
  • Bollo sul deposito titoli: non cambia nulla solo per chi ha un portafoglio titoli inferiore ai 50 mila euro, l’investitore continuerà a pagare 34.20 euro all’anno. Sopra questa soglia, la somma cresce a 70 euro fino a 150.000 euro di titoli, a 240 euro per investimenti fino a 500 mila euro, a 680 euro sopra questo valore; la norma appare ingenerosa specie per una coppia di pensionati che possiede 50.001 di BOT, col pensiero di lasciarli ai figli in eredità. Già il bollo è una tassa poco comprensibile, non configurandosi come imposta sui redditi. Perché non introdurre la tanto sospirata tassa sulle operazioni finanziarie, solo su quelle che producono rendite e solo sopra certe soglie? La Legge Finanziaria si farà ricordare anche per questo provvedimento;
  • Superbollo per le auto di lusso sopra i 225 kw: la norma è ok, chi ha macchine potenti – che inquinano tra l’altro di più – avranno sicuramente qualche euro in più per pagare il bollo supplementare
  • Stretta sulle stock option: nulla da commentare
  • Aumento dell’Irap sulle concessionarie dello Stato: questa è una tassa vera e propria della Legge Finanziaria , giustificabile solo dall’impossibilità di drenare risorse finanziarie da altre fonti. E non è il caso italiano;
  • Pensioni d’oro: dal primo agosto via alle riduzioni; chi percepisce una somma al di sopra dei 90.000 euro l’anno dovrà versare il 5%, mentre a tutti quelli che superano i 150.000 euro annui di guadagno sarà trattenuto il 10%. È stato ribattezzato “contributo di solidarietà”. L’idea non è male, purchè il provvedimento rientri una volta superata l’attuale fase di emergenza.
  • Ritardare la pensione: crescerà l’età pensionabile in quanto la riforma prevede l’aggancio alle aspettative di vita già a partire dal 2013 invece che dal 2014, come inizialmente previsto. Chi ha maturato i 40 anni di contributi andrà in pensione con un mese di ritardo nel 2012 e via via crescendo nel corso degli anni successivi.
  • agevolazioni fiscali e assistenziali: riduzione del 5% prima e del 20% poi, dal 2013 e dal 2014. Il contrario di quello che ci si aspetta da un Governo liberale e che proclama da anni di voler ridurre le tasse per rilanciare i consumi. Il fallimento di un ideologia economica.
  • tagli ai costi della politica, agli stipendi dei parlamentari, ai rimborsi di deputati e senatori:   ——-   (lo spazio è bianco, chiaro, perché scandalosamente ne Governo ne Parlamento, nemmeno quest’anno introdurranno norme atte, almeno simbolicamente, a richiamare un certo tenore di responsabilità pubblica);
  • Sgravi fiscali per gli investimenti in ricerca e sviluppo: nulla; neanche la Legge Finanziaria è riuscita a trovare i fondi per attuare la misura; la perdita di competitività e innovazione nel nostro Paese, è ormai irreversibile.
  • incentivi alle aziende che assumono nuovi lavoratori: su questo fronte il Governo è completamente sordo. Nonostante siano 8 anni che si parli di riduzione dello “scalone fiscale”.
  • Quoziente famigliare: macchè. Un’altra di quelle misure mancate che avrebbe cambiato il corso della storia per milioni di famiglie;
  • Eliminazione delle province: cos’è uno scherzo? Nessuno è mai stato così ingenuo da credere che questi centri di potere e generatori di poltrone potessero essere cancellati. Male, molto male;

La Legge Finanziaria appare dunque incapace di intercettare la voglia di rilancio delle imprese italiane e il bisogno delle famiglie a basso reddito di tornare ad una certa serenità domestica, consentendo ai consumi di ripartire. La politica è apparsa una volta di più dedita all’autoconservazione, alla tutela di se stessa e dei suoi privilegi.

La dura vita del politico

La storia ha qualche giorno, ed è di quelle che hanno dell’incredibile. Ma qui, l’incredulità si mischia all’indignazione. Perché non è possibile, che l’attuale classe politica dirigente, questa volta incarnata nella figura di un politico, in un periodo di tagli, lotta agli sprechi, austerità di bilancio, si permetta la libertà che si è concessa il Presidente della Provincia – purtroppo ancora esistente – di Milano.

PER FARE POLITICA SERVE L’AUDI A8:
Aun politico piace viaggiare comodo. E nemmeno dovesse trascorrere ore e ore all’interno dell’automobile, ha deciso di cambiare la regola. Al posto della Ford Focus messagli a disposizione dalla Provincia (non pensate gratuitamente, visto che l’ente paga 564.000 euro l’anno), lui ha preferito niente poco di meno che un’Audi A8 a trazione integrale permanente, cambio automatico, telaio in alluminio. 119.923,20 euro spesi senza battere ciglio.
E, come non manca di osservare su Repubblica: “Il bello è che la supercar ha richiesto alcuni costosi interventi rispetto al modello originale. E sapete perché? Perché, come ha rivelato Il Sole-24 Ore Lombardia, si è dovuto modificare il tettuccio, visto che sull’alluminio il lampeggiante blu a calamita, con il quale il presidente ritiene di dover scorrazzare, non si attaccava”. “… ordinare un’auto Da 12.000 euro mentre tutti predicano la necessità di tagliare i costi della politica, ci si chiede perché mai un politico non certo di prima fila come il signor Podestà debba viaggiare con un lampeggiante quando in tutto il mondo civilizzato personaggi ben più autorvoli di lui si spostano in metrò, in bicicletta o sulla propria city car”
DULCIS IN FUNDO…
Ma il caso di un politico non è l’unico caso in controtendenza rispetto il buonsenso e il generale stato di ristrettezza economica in cui versa il 95% degli italiani. In base a una delibera del gennaio scorso, infatti, i membri del Consiglio della regione Lombardia, ricevono un rimborso di 51.600 euro lordi, tra quota fissa e calcolo chilometrico, pari a circa 30mila euro netti, qualora rinuncino all’auto blu. Il doppio di quello che un impiegato di buon livello la mattina si presenta puntuale in ufficio prendendo tram, metrò, bus.
Ogni ulteriore commento è superfluo.

Comprare o vendere il proprio Rolex:le cose da sapere

Compravendita orologi: un mercato che non conosce crisi

La compravendita di orologi Rolex è un mercato in costante crescita: i beni di lusso sono quelli che, commercialmente parlando, stanno facendo meno fatica a livello globale, e questi magnifici orologi rientrano senza dubbio in questa categoria.

C’è anche un’ulteriore ragione per cui la compravendita di Rolex usati è un mercato molto florido: a differenza di altri articoli, infatti, i Rolex non tendono a svalutarsi, anzi il loro valore rimane molto alto anche laddove siano di seconda mano.

All’acquirente, in sostanza, importa poco che l’orologio sia usato o meno: ciò che conta è che si tratti di un Rolex originale, in condizioni impeccabili e corredato da tutti i certificati di autenticità.

Dove vendere il proprio usato

Se si vuole vendere un Rolex usato la soluzione migliore è sicuramente quella di rivolgersi a dei professionisti del settore, dunque a delle orologerie specializzate, appunto, nell’acquisto di orologi di lusso usati.

Queste aziende svolgono un ruolo davvero importantissimo, il quale va ben oltre il mero far incontrare la domanda con l’offerta: i professionisti, infatti, hanno tutta l’esperienza ed il know-how necessario per valutare l’autenticità di un Rolex, e questo è un aspetto molto importante, dal momento che questi orologi di lusso contano un’infinità di tentativi di imitazione, alcuni dei quali sorprendentemente simili ai modelli originali.

Attenzione alle repliche di orologi

Chi acquista presso un’azienda specializzata in compravendita di Rolex, dunque, ha la certezza assoluta che tutti i Rolex proposti siano originali, ed è inutile sottolineare quanto ciò sia fondamentale.

Acquistare un Rolex usato direttamente da un privato sarebbe estremamente rischioso: anche chi ha una buona conoscenza di questi orologi lussuosi e dei loro dettagli, infatti, può incorrere in brutte sorprese, proprio perché come detto in precedenza vi sono in circolazione delle riproduzioni davvero molto fedeli di questi orologi svizzeri.

Quando si parla di Rolex o di altri oggetti di lusso, che si tratti di orologi, gioielli o altro, il consumatore non può correre rischi, ed è importantissimo che si rivolga a dei professionisti affermati.

Affidarsi a queste aziende, ovviamente, è una soluzione più che consigliabile anche per chi ha l’obiettivo opposto, ovvero quello di vendere un orologio Rolex: gli acquirenti sono estremamente più propensi a comprare un bene di lusso presso dei professionisti, come Pasinigioielli.com per le ragioni indicate in precedenza, di conseguenza rivolgersi a delle aziende specializzate può consentire senza dubbio di individuare un buon cliente senza dover attendere a lungo.