Con i servizi web “Fai D.A. te”le cartelle si rottamano a Km 0

La definizione agevolata viaggia in rete non soltanto per le nuove domande, ma anche per chi è stato riammesso alla procedura e per i respinti che aspirano alla promozione Battesimo digitale per i nuovi servizi offerti dall’Agenzia entrate-Riscossione. Il progetto, che consente di visualizzare l’elenco delle cartelle rottamabili e di presentare on line il modello DA-2017, cioè l’istanza relativa ai carichi in riscossione nei primi nove mesi dell’anno, e non solo, si chiama “Fai D.A. te” (comunicato stampa).Original Article

Zona franca sisma Centro Italia:domande fino al 20 novembre

Per venire incontro alle esigenze di imprese e amministrazioni comunali, è stato prorogato il termine finale per la presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni Le imprese localizzate nella Zfu istituita nei comuni di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti a partire dal 24 agosto 2016 hanno tempo fino al prossimo 20 novembre per presentare le domande di accesso ai benefici fiscali. Lo ha stabilito il Mise con una circolare direttoriale del 2 novembre.Original Article

Fedine fidanzamento negozi online

Anelli di fidanzamento

 
Cerchi un anello di fidanzamento? acquistalo online e fai realizzare il suo … prezzo dei nostri anelli è imbattibile in quanto grazie alla vendita online non ci sono …

Fedi e fedine delle migliori marche in vendita online. Catalogo online …

Fedi e fedine delle migliori marche su GioiaPura! Fedi per matrimonio o fidanzamento a un prezzo scontato!

Gioielli oro e diamanti – anelli di fidanzamento – fedi nuziali

 
La Gioielleria on-line Edenly è una gioielleria-oreficeria che produce gioielli in oro e diamanti. Specialista in anelli di fidanzamento e fedi nuziali, Edenly crea …

Anello di fidanzamento – Anelli di fidanzamento Online su ShopAlike.it

https://www.shopalike.it › Gioielli & Bigiotteria › Anelli
Confronta prezzi e modelli di Anelli di fidanzamento – Scopri le moltissime offerte e acquista da uno dei nostri negozi partner!

Fedine Fidanzamento in Oro o Argento – Shop Online Prezzi Scontati …

Acquista ora le fedine da fidanzamento da un’ampia collezione in oro bianco, giallo, rosa o in argento a prezzi scontati su GioielleriaLucchese.it!

Il negozio online di eMotiKO – Gioielleria giovane (es. fedi per …

26 ago 2010 – Il negozio online di eMotiKO – Gioielleria giovane (es. fedi per fidanzamento e nuziali). | Stampa |. Dettagli: Creato Giovedì, 26 Agosto 2010 08: …

Acquista gli anelli di fidanzamento on line | anelli di fidanzamento …

Stai cercando degli anelli di fidanzamento? RenéSim offre un’esclusiva gamma di anelli di fidanzamento Prêt-à-Porter. In alternativa, puoi realizzare dei …

Damiani Gioielli – Boutique Online

Scopri il prezioso mondo della gioielleria Damiani: anelli di fidanzamento, fedi e solitari, articoli di lusso. Spedizione Assicurata Gratuita.

Amazon.it: fedine fidanzamento

 
Flongo Gioielli 2 Anelli Coppia Set, Anelli Fidanzamento, Completo un cuore per lui & lei, Amanti Amore Cuore “Real Love”, Acciaio Inossidabile, Oro Nero …

Morellato: gioielli ed orologi disponibili sullo shop online. Entra subito nel mondo Morellato ed acquista in tutta sicurezza.

Acquista fedi nuziali

 
GLAMIRA.it è il negozio online specializzato in fedi nuziali, anelli di fidanzamento, anelli della promessa e set nuziali. Su GLAMIRA.it troverai anelli di elevata …

Acquista gioielli di diamanti

https://www.glamira.it/
GLAMIRA.it è il negozio di gioelleria online per i gioielli in oro, gioielli con diamante, collane, bracciali, orecchini, anelli di fidanzamento e fedi nuziali.

Anelli Morellato | Morellato Shop Online

 
Anelli Morellato, gioielli da vivere. Nello shop online troverai tutti i bellissimi anelli firmati Morellato. Entra ed acquista in tutta sicurezza.

diamanti e gioielli in oro, argento e acciaio – Vendita online

 
D’Amante è il negozio di gioielli online che ti offre anelli, collane, ciondoli, orecchini e bracciali, in oro, argento, … L’ANELLO DI FIDANZAMENTO PERFETTO.

Vendita Gioielli on line vendita anelli Diamanti anello Trilogy anello …

 
Vendita gioielli onlineVendita anelli diamanti,anello trilogy, anello solitario,prezzi fedi … brillanti,gioielli oro,gioielli uomo,prezzi gioielli,fedine fidanzamento.

Anelli – Vendita Anelli Solitari e Trilogy con diamanti

 
Prova l’emozionante ed unica esperienza di vedere dal vivo la lavorazione del tuo anello di fidanzamento..direttamente nel nostro antico laboratorio orafo di …

Anelli – Gioielli – Negozio Swarovski online

 
La straordinaria collezione di anelli Swarovski, rappresentata in prima linea dall’iconico anello Nirvana, disponibile in un’ampia gamma di scintillanti colori, …

gioielli, bracciali e anelli | Official Online Store

 
Ascolta la musica preferita di Dodo. LICENZA SIAE nr. 2094/I/1640 LICENZA SCF nr. 135/10. I nostri negozi · Condizioni d’uso · Privacy Policy · Mappa del sito.

Anelli di Fidanzamento, Anelli Solitario e Fedi | Tiffany & Co.

 
Esplora la nostra collezione di anelli di fidanzamento, anelli solitario e fedi su Tiffany & Co. Soprendi la persona piu’ speciale con un anello solitario con …
 

L’anello di fidanzamento – Momenti che lasciano il segno – Cerimonie

Privacy e Cookie Policy · Condizioni di vendita · Codice etico · Condizioni d’uso · Piattaforma ODR · Promozioni. CUSTOMER CARE. Spedizioni · Click&Collect …

ricordando giorgio gaber

Come possiamo leggere nella b iografia di Massimo Bernardini, Gaber “è uno che mentre gli altri sembrano fare

Con la pubblicazione degli altri sei articoli si conclude la “riflessione a più voci”, avviata nel precedente numero di Notes, sul messaggio di Benedetto XVI “Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione”, per la 46ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, promossa dal Coordinamento delle associazioni per la comunicazione (Copercom).

A esprimersi in merito, questa volta, sono esponenti del cinema e della televisione, della carta stampata e dell’editoria, mondi in cui spesso si riscontra oggi una sovrabbondanza di parole che rischiano di frastornare la mente umana, mentre è necessario – come ribadisce il Papa – “creare un ambiente propizio, quasi una sorta di ‘ecosistema’ che sappia equilibrare silenzio, parola, immagini e suoni”.

Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, durante l’omelia della celebrazione eucaristica per la 46ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali il 20 maggio scorso, ha affermato che “l’evangelizzazione è una forma di comunicazione, dove s’impara ad ascoltare prima ancora che a parlare, e dove si tratta di trovare sempre un nuovo equilibrio tra silenzio, parola, immagini, suoni” e ha invocato un’informazione di vero servizio alla comunità, ispirata all’amore di verità e rispettosa di tutti; un vero appello a non cedere alla “dittatura delle opinioni”.

Considerazioni queste che interpellano anche ogni educatore: nel difficile compito di educare le nuove generazioni, infatti, non si potrà non tener conto dei cambiamenti che i nuovi media stanno determinando a livello di partecipazione democratica alla vita sociale e civile del nostro Paese.

Questo numero si chiude con le notizie logistiche e le schede di adesione al Seminario nazionale Democratica… mente 2012, che si svolgerà a Firenze dal 29 giugno al 1 luglio 2012.

A ogni responsabile associativo e a tutti i soci è rivolto l’invito a partecipare all’interessante iniziativa, volta a individuare nuove forme di cittadinanza attiva, al fine, anche, di dialogare e interagire con identità “altre” in modo solidale e in vista del bene comune.

 

14.6.12 | Scritto da Franco Frattini Fondazione De Gasperi – EU Foundations: “International Round Table Adenauer, De Gasperi, Schuman”

The global crisis, whose contagion has spread progressively from finance to sovereign debt, and therefore to states, with a particularly virulent effect on the euro-zone, is obviously not a subject of study and work exclusively for economists.We are, in fact, dealing with of a political crisis – i.e., the capacity of government, and policies to which states in Europe and beyond, along with their respective ruling classes, have dedicated themselves in recent years.

It is a crisis that challenges the role of Europe in the world and its ability to defend the extraordinary results achieved during the decades-long integration process.And yet, if the lack of effective supranational governance capable of immediate response in the face of events is one of the major weaknesses at issue, then equally serious, and thus far less elaborated, is the lack of a plan coming from political families in Western democracies that could contribute to change.Furthermore, a crisis of public confidence has blown. This crisis is evident from all the latest surveys, in the economy, in the future, in the benefits of EU integration, in EU membership, even in the euro and in the free market.

People are very worried about joblessness, inflation and public debt, and their fears are fuelling much of the uncertainty and negativity.In the first place, this crisis should impose (or rather, should have already imposed) an adjustment of recipes that the preponderant ongoing change has rendered obsolete.

The recipes inspired by liberalism, or by pre-globalization liberism, no longer work. The crisis will not be short, nor will its effects disappear soon after a return to normality.In 2008, the “orthodox” wing of the US Republican party strongly opposed a government rescue after the collapse of Lehman Brothers, and reacted negatively when Treasury Secretary Henry Paulson, with the clear support of President Bush – as well as the support of the Democratic opposition – decided to seek an emergency bailout fund to keep the contagion from affecting the liquidity of small and medium – sized businesses and millions of American citizens.

Similarly in Europe, German Chancellor Angela Merkel’s Christian Democratic Party is experiencing a tough debate over the possibility and usefulness of going beyond “the German path” of rigor and accountability “at all costs” and ensuring the survival of the euro-zone, in a context of stronger European governance, with financial measures and stimulus packages aiming at promoting growth.

So today EU democracies are dealing with the problem of not “whether” to save Europe, but “how” to save it – by first reducing the deficit, or by dismantling an ideological barrier, which had marked the red line of “no public spending”, without considering how these days, even given the necessary rigor, the market is no longer able to regulate itself.

talenti welcome la proposta di legge per il controesodo di talenti

Talenti Welcome “Pacchetto Controesodo”

Onorevoli colleghi! – Attrarre talenti dall’estero e sostenere la formazione internazionale dei nostri giovani. Questi i due fondamentali obiettivi che, proseguendo ed ampliando la normativa già approvata nella scorsa legislatura, proponiamo all’esame del Parlamento.

Nel passato la ricchezza proveniva soprattutto dalla terra. Più suolo fertile da coltivare si aveva e più benessere si otteneva. Nel XXI secolo le economie che producono maggior sviluppo sono invece quelle che sanno investire sul capitale umano e renderlo produttivo. Le aree che, al contrario, meno sapranno coniugare opportunità per i giovani più qualificati e sviluppo rischiano di impoverirsi irreversibilmente, come un territorio che per incuria va verso la desertificazione.

La crescita della mobilità per studio e lavoro è, in particolare, del tutto coerente con i processi di sviluppo di questo secolo. La possibilità di viaggiare con tempi e costi contenuti si è enormemente ampliata, e con essa è cambiato anche l’atteggiamento delle nuove generazioni. I giovani sono sempre più globalizzati, più propensi ad interagire e confrontarsi con culture e realtà diverse ed hanno nel loro DNA la voglia di guardare ad un mondo più ampio rispetto al luogo di nascita. E’, inoltre, cresciuta la consapevolezza del fatto che la mobilità per studio e lavoro è in sé positiva, perché consente di arricchire le proprie esperienze, di ampliare la rete di relazioni, di stimolare il senso di autonomia, facendo crescere l’apertura mentale e la voglia di mettersi in gioco.

Muoversi senza confini va considerata quindi una scelta da sostenere e incoraggiare per il beneficio che produce sui singoli, potenziandone capacità e competenze. Tutto ciò ha ricadute positive anche per il luogo di origine se chi parte poi ritorna o se a fronte dei molti talenti che restano fuori altrettanti ne vengono attratti dall’estero.  In caso contrario si ottiene per il luogo di partenza un impoverimento netto di capitale umano.
I paesi più dinamici e competitivi considerano strategiche le politiche di attrazione di giovani di qualità e riconoscono come veri e propri investimenti tutte le opportunità ad essi fornite. Da anni è in atto una vera e propria competizione internazionale per l’accaparramento dei cervelli migliori. E’, infatti, in crescente aumento la domanda di studenti e lavoratori stranieri nelle economie più mature e avanzate per il contributo di rilievo che sono in grado di dare all’innovazione e alla crescita.

pagina di esempio

principi comuni con la sinistra democratica. Nel campo del centrodestra opera ancheLiberamente, la fondazione dell’ex ministro Maria Stella Gelmini per «sostenere

In questo numero di Notes sono riportati i risultati di alcune indagini statistiche sulla povertà realizzate in questi ultimi anni dalla Caritas, dall’Unicef e dall’Istat. Si tratta di materiali offerti alla riflessione in vista del Seminario “Democratica… mente 2012: nuove povertà e nuove prospettive”, che si svolgerà a Firenze dal 30 giugno al 1 luglio p.v.

Il rapporto tra condizioni di vita e gestione solidale del bene comune, infatti, è nodo centrale di ogni democrazia. Le disuguaglianze che si consolidano in situazioni di permanente svantaggio sollecitano a riflettere sulle situazioni d’emergenza, che rischiano di trasformarsi in una pericolosa “normalità”e di ridurre la naturale indignazione di fronte all’ingiustizia: vero “scandalo” per la civiltà.

Proprio dalla consapevolezza che il pericolo dell’assuefazione è sempre dietro l’angolo, nasce l’esigenza di approfondire tali tematiche nell’annuale appuntamento associativo “Democratica… mente”, giunto alla sua seconda edizione. Non possiamo, infatti, esimerci, come professionisti di scuola e come cattolici, dal porci quegli interrogativi di fondo su cui si gioca la credibilità di un reale orizzonte democratico. L’impoverimento globale c’interpella sulla necessità d’indagare le nuove povertà per individuare modalità e strategie che consentano la possibilità di accesso ai diritti economici e sociali che dovrebbero essere garantiti a ogni uomo, a ogni popolo, a ogni Paese.

A chiudere questo numero la presentazione delle cinque borse di studio assegnate a neo laureati con cui si è concluso il Concorso nazionale lanciato durante la I Edizione di Cento piazze per… la solidarietà. La Commissione giudicatrice, appositamente costituita e individuata dal Consiglio nazionale, sulla base di criteri determinati nella seduta d’insediamento, dopo aver preso in esame tutti gli elaborati pervenuti e dopo un’attenta valutazione delle caratteristiche di ciascuna testo, è pervenuta a individuare le cinque tesi a cui assegnare i premi previsti dal Bando del Concorso.

Borsa down per i contrasti geopolitici Usa Corea

Le tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Corea del Nord spingono al ribasso le borse europee. Il listino londinese ha terminato in rosso dello 0,59% a 7.498,06 punti, Francoforte è scesa dell’1,12% a 12.154, Parigi dell’1,4% a 5.145,70 e Madrid dell’1,29% a 10.596.

Nel comparto chimico spicca il -6,73% di Brenntag dopo performances deludenti in Europa, Medio Oriente e Asia. +7,13% invece per Novo Nordisk grazie a un outlook sulle vendite migliore delle stime.

Dopo le indicazioni arrivate dai prezzi cinesi (+1,4% annuo per l’inflazione, +5,5% per i prezzi alla produzione) e dalla produzione industriale italiana (+1,1% mensile), nella seconda parte è stata la volta dei dati statunitensi su produttività (+0,9% trimestrale), costo del lavoro (+0,6%) e scorte di petrolio (-6,5 milioni).

In serata l’appuntamento è con la Reserve Bank of New Zealand, che dovrebbe confermare il costo del denaro in quota 1,75%.

Divorzio Disney Netflix

E’ ufficiale: nel giro di due anni non sarà più presente nessun film Disney su Netflix. Finisce così un matrimonio prolifico per entrambe le aziende e soprattutto molto apprezzato da parte degli utenti del servizio di streaming più usato.

A partire dal 2019 Disney non fornirà più i propri film alla piattaforma di streaming online a partire dal 2019, per lanciare a sua volta un proprio servizio di streaming. La notizia pesa come un macigno sulle contrattazioni di Borsa odierne su entrambi i titoli.

Netflix, dopo mezz’ora dal via delle contrattazioni a Wall Street, arretra del 2% a 174,7822 $. Negli Stati Uniti i programmi Disney contano per circa il 30% delle visualizzazioni di Netflix. Più pesante la discesa di Disney, che al momento sta lasciando sul parterre circa 5 punti a 101,61 $.

Oltre ad annunciare la fine dell’accordo con Netflix, il gruppo dei celebri cartoni animati la risente della trimestrale, che ha mostrato un utile del terzo trimestre in calo di quasi il 9%. Disney ha comunque precisato che il mancato rinnovo degli accordi riguarda il solo mercato degli Stati Uniti.

Secondo un analista interpellato dalla nostra redazione, la notizia è “particolarmente negativa per Netflix, in quanto in futuro si troverà a competere con Disney direttamente, dal momento che la casa di Topolino distribuirà da sola i propri contenuti”.

Continua quindi a spezzettarsi la fruizione di contenuti online: oltre ai vari servizi streaming proposti dalle aziende di PayTV (come Sky e Mediaset per esempio), Netflix e Infinity TV, aumentano le piattaforme private degli stessi produttori dei film/serie tv.
Netflix sarà destinata a perdere il suo potenziale? Poco probabile: le aggiunte di contenuto su Netflix sono sempre molto importanti e, soprattutto, continue.

Inoltre l’azienda sta spingendo pesantemente su produzioni originali e ha colpito l’utenza con parecchie chicche che adesso hanno in programma seguiti e che, inevitabilmente, hanno aumentato il livello di apprezzamento nei confronti del servizio stesso (esempi sono serie come Tredici, Stranger Things, Narcos, ecc…).

Ma ormai è deciso: Disney e Netflix firmano le carte per il divorzio. Non disperate: i contenuti saranno visibili ancora per un paio di anni almeno.

Riqualificazioni energetiche: Quale detrazione scegliere?

Con la Legge finanziaria n.232 del 2016 sono state aggiunte alcune interessanti novità: detrazione fino al 75% per interventi sulle parti comuni condominiali (fino al 31/12/2021) e la possibilità per i soggetti che si trovano nella c.d. “no tax area” (pensionati, dipendenti e autonomi) di cedere la detrazione fiscale loro spettante per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali ai fornitori che hanno effettuato i lavori (si attendono ancora le modalità attuative), e l’estensione della detrazione del 65% alle spese per l’acquisto di dispositivi multimediali per il controllo da remoto di impianti di riscaldamento, climatizzazione e produzione di acqua calda (domotica).

Chi può richiedere la detrazione fiscale del 50%?

Innanzitutto occorre ricordare che la detrazione del 50% spetta solo per lavori di ristrutturazione in immobili residenziali. Restano quindi escluse le ditte e gli immobili produttivi che potranno avere accesso solo alla detrazione del 65% per gli interventi di efficientamento energetico. Il 50% viene riconosciuto su un massimale di spesa di 96.000 euro iva inclusa per cui l’ammontare massimo della detrazione è di 48.000 euro in 10 rate annuali (max 4.800 euro di detrazione all’anno).

Poiché la detrazione spetta solo per lavori di manutenzione straordinaria o più complessi (v. definizioni su DPR 380/01) è necessario presentare in Comune almeno una comunicazione di inizio lavori corredata da asseverazione di un tecnico abilitato (CILA): le “comunicazioni di inizio attività  edilizia libera” (CIL) senza la relazione asseverante a firma del tecnico professionista sono possibili solo per interventi di “manutenzione ordinaria” e pertanto non possono fruire della detrazione fiscale (ad eccezione di interventi su parti comuni condominiali).

Chi può richiedere la detrazione fiscale del 65%?

La detrazione del 65% è invece fruibile indifferentemente da privati e imprese, per immobili di qualsiasi categoria catastale, e riguarda specifiche categorie di interventi che hanno effetto sull’efficienza energetica dell’edificio. I massimali di spesa sono variabili in base alla tipologia di intervento e l’ammontare massimo della detrazione va da 30.000 euro (impianti termici) a 60.000 (impianti solari / sostituzione infissi) fino a 100.000 euro (interventi più rilevanti sull’intero immobile), sempre su un periodo di 10 anni.

Quali interventi sono detraibili?

Con il 50% sono agevolabili praticamente tutte le tipologie di spese riconducibili all’intervento di ristrutturazione, anche quelle che non hanno effetto sull’efficienza energetica dell’immobile (come rubinetterie, sanitari, rivestimenti, finiture…).

Sono inoltre agevolabili le spese per l’installazione di termocamini, caldaie a legna, condizionatori, senza particolari requisiti prestazionali (salvo il minimo di legge).

Sempre con il 50% possono essere agevolati interventi di installazione di impianti fotovoltaici a servizio dell’abitazione. Sono inoltre agevolabili anche le spese per mobili e grandi elettrodomestici (a basso consumo) purché destinati all’immobile in ristrutturazione per un massimale di spesa di 10.000 euro.

Con il 65% sono agevolabili in particolare le spese per:

sostituzione caldaie con nuove a condensazione (e installazione valvole termostatiche) e tutte le spese direttamente connesse all’intervento (anche per contemporanea realizzazione di impianti a pavimento, rifacimento delle linee o sostituzione radiatori)

  • sostituzione caldaie con pompe di calore ad alta efficienza (la caldaia esistente va però dismessa, può essere lasciata per la sola produzione di acqua calda)
  • sostituzione caldaie con sistemi ibridi (caldaia+pompa di calore)
  • sostituzione caldaie con caldaie a biomassa (con elevata efficienza e determinate caratteristiche prestazionali)
  • installazione pannelli solari (termici) per produzione di acqua calda sanitaria e/o riscaldamento ambienti
  • installazione di pompe di calore per produzione di acqua calda sanitaria
  • sostituzione infissi con nuovi ad elevate prestazioni e interventi di isolamento termico
  • installazione di schermature solari (tende da sole, oscuranti, etc etc.)
  • isolamento termico delle strutture edilizie esistenti (cappotto termico, rifacimento coperture su locali riscaldati, isolamento solai, etc…)
  • installazione di sistemi domotici per il controllo a distanza degli impianti

Nel caso di installazione di pompe di calore senza dismissione dell’impianto termico esistente è possibile fruire della detrazione del 50% seguendo la procedura per le detrazioni per ristrutturazione edilizia.

Per interventi di riqualificazione energetica delle parti comuni condominiali fino al 2021 è possibile fruire della detrazione maggiorata:

  • al 70% se si interviene sull’involucro dell’edificio condominiale con una incidenza superiore al 25% della superficie disperdente,
  • al 75% se si interviene sulle parti comuni al fine di migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva conseguendo almeno il livello di qualità medio previsto dal DM 26/06/2015.

Queste ultime agevolazioni sono disponibili col limite complessivo di spesa di 40.000 euro per unità immobiliare.

Anche le spese tecniche correlate all’intervento e le imposte rientrano nelle spese detraibili con entrambe le agevolazioni.

Quali sono gli adempimenti richiesti?

Per poter richiedere la detrazione del 50% è necessario presentare una pratica edilizia in Comune a firma di tecnico abilitato prima dell’inizio dei lavori.

Per poter richiedere la detrazione del 65% è necessario l’invio di una pratica all’Enea e in generale l’asseverazione dell’intervento a firma di un tecnico che verifichi la rispondenza dell’intervento ai requisiti richiesti.

Per entrambe le agevolazioni è necessario effettuare i pagamenti tramite specifico bonifico bancario (da richiedere esplicitamente alla propria banca).

La documentazione raccolta, comprese le asseverazioni a firma del tecnico incaricato, andrà poi consegnata al proprio consulente fiscale/caaf entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per consulenze, progetti di ristrutturazioni, riqualificazioni e pratiche per l’accesso alle detrazioni del 65% (compreso invio dei dati all’Enea) non esitate a contattarci allo 0735.568366 o 0735.584088 (oppure via email tramite il form in calce). Operiamo su tutto il territorio nazionale!