Tempesta solare sopra l’Islanda time-lapse

Le riprese di aurore in Islanda sono sempre un’esperienza affascinante, ma sbattere contro il centro della produzione con gli effetti sull’atmosfera di un brillamento solare di classe X con espulsione di massa coronale devono superare il delirio.

Questo è esattamente quello che è successo mentre registrava la bellezza e la forza della natura in questo gelido paradiso a sud del circolo polare artico tra febbraio e marzo di questo 2014, periodo in cui che in effetti c’era un’intensa attività al sole:

“Le aurore risultanti erano uno spettacolo difficile da credere, anche di persona e viste con i miei occhi.”

Il video, prodotto in formato time-lapse, è perfettamente strutturato secondo lo schema classico di introduzione-nodo-desenlance, con alcuni primi fotogrammi in cui il protagonista è il ghiaccio, per continuare ad aumentare il ritmo fino a terminare nell’apoteosi di la tempesta solare e le spettacolari aurore boreali. L’ultima sezione, anch’essa di grande bellezza, segna la discesa in chiave di rilassamento.

Il risultato, ‘Eye of the storm 4K’, un video davvero formidabile di 5.000 fotogrammi, con una colonna sonora -‘L’occhio della tempesta ‘(Shaun Diaz) – perfettamente adattato che contribuisce ad accentuare i diversi processi a cui è esposto l’umore dello spettatore.

L’apparecchio di registrazione consisteva di fotocamere Canon EOS 1-DC e 5D Markk III, con controllo di movimento basato su componenti Kessler Crane: Cinedrive, Shuttlepod Mini, Turntable e Oracle.

Un’altra piccola gemma del genere, lunga circa 5 minuti, per godere a pieno schermo e tutti … un livello adeguato di auricolare